Verso l’Infinito….

Buongiorno a tutti voi,vi amo immensamente e grazie per il vostro calore!!

Verso l’Infinitoimages (6)

Come è di continuo da due anni a questa parte,ogni giorno,il mio istruttore,o Maestro,mi manda dei messaggi affinché io riscriva,e faccia ricordare alle anime il loro lato Divino.Sembra strano e al quanto misterioso quel che dico,ma non lo è,almeno per le persone che come me sono cadute e si sono lasciate andare alla luce Divina.

Il primo messaggio che mi ha indicato è questo:

Prima che l’anima possa vedere,deve essere raggiunta l’armonia interna,e gli occhi della carne devono essere ciechi a ogni illusione.

Prima che l’anima possa udire,l’immagine(L’Uomo)deve essere sorda tanto al fragore quanto al mormorio;al selvaggio barrito dell’elefante quanto al ronzare della lucciola d’oro.

Prima che l’anima possa comprendere e ricordare,deve essere unita a Colui che parla nel silenzio,come alla mente del vasaio è unita la forma secondo cui modella l’argilla.

Allora l’anima udrà,e ricorderà.E all’orecchio interiore parlerà la Voce del Silenzio.”(Voce del Silenzio)

Chi vuole comprendere la voce,deve conoscere la mente che è la grande distruttrice del reale.

Un altro messaggio di enorme importanza è questo:

Poiché,quando la sua propria forma gli apparirà irreale,come nella veglia tutte le forme vedute nel sogno;quando avrà cessato di udire i molti,egli potrà discernere L’Uno-il suono interno che uccide l’esterno.Allora soltanto,no prima,abbandonerà egli la regione del falso,per entrare nel reame del vero.”

“Come tutti i giorni,pervado la mente del mio adorato allievo,e canalizzo nel suo pensiero le mie vibrazioni,affinché la mano scrive senza essere condizionata.L’unica voce che lui ode è la mia.Colui che si presta alla mia attenzione avrà messaggi e spiegazioni mai udite.Poiché colui che ascolta e serve il suo Maestro con devozione avrà ogni ricompensa terrena.In questo stesso istante noi siamo uniti nell’Uno,dove dimora la pace e la quiete.

In questo stato di quiete e pace io,Gesù,il Cristo,parlo a voi:

Se la tua anima sorride immersa nella  Luce Solare della tua Vita;se la tua Anima canta entro la sua crisalide di carne e materia;se la tua Anima piange entro il castello d’illusioni;se la tua Anima lotta per spezzare l’argenteo filo che la unisce al Maestro,sappi,o Mio fratello e sorella,che la tua Anima è di questa Terra.

Quando la tua anima che si dischiude al tumulto del Mondo;quando la tua Anima risponde alla voce ruggente della Grande Illusione;quando sbigottita nel vedere le cocenti lacrime di dolore,assordata dalle grida d’angoscia,la Tua Anima,si ritrae come la pavida tartaruga nel guscio dell’Egoismo,sappilo,o Mio fratello e sorella,tempio indegno è la Tua Anima.

Quando,cresciute le sue forze,la Tua Anima si arrischia fuori del suo sicuro asilo,e, staccatasi dall’involucro protettore,tende l’argenteo suo filo e si spinge in alto;quando,scorgendo la sua immagine sulle onde dello Spazio,essa mormora:’Questa sono io’,confessa,o mio Fratello e Sorella,che la tua anima è presa nelle reti dell’illusione.

Questa Terra,è la stanza del Dolore,dove lungo il Sentiero delle dure prove  sono sparse insidie per avvolgere il Tuo Ego nell’illusione detta la Grande Eresia.

Colui che è vestito di carne e non sa di essere vestito di carne,geme di fronte all’ignoranza che lo pervade.La Grande Legge dice:’Per diventare il conoscitore del Sé Universale,deve prima essere il conoscitore del Sé’.Per giungere alla conoscenza di questo Sé,deve abbandonare il sé al non sé,l’essere al non essere,e allora potrà riposare fra le Grazie di Nostro Padre.

Se vuoi conoscere il Paradiso,dovrai attraversare  i tre livelli terreni,i tre campi vibrazionali.Il primo campo è Quello dell’Ignoranza.Poiché il tuo corpo e la tua mente non sono a conoscenza del terzo elemento.L’elemento che guida il suo veicolo nel cammino della Vita.Il tu cammino è inconsapevole,e vivi inseguendo strade errate,che portano alla sofferenza,fisica mentale e psicologica.In questo campo,l’ignoranza incombe pesantemente, e i semi che tu seminerai non cresceranno.La terra su cui semini è troppo secca e arida,e il tuo seme non potrà germogliare.I frutti non saranno mai raccolti,e se  per caso il seme germoglierà,e produrrà frutti,il tuo raccolto sarà misero.

Quando vi accorgerete della vostra ignoranza,e avrete compreso che avete vissuto nell’ignoranza,nella non-comprensione,voi vi ritroverete con il volto pieno di lacrime,poiché le vostre certezze passate vengono spazzate via,in batter d’occhio,e cadrete nel vuoto.Questo vuoto vi sommergerà e sembrerà di annegare,ma non vi preoccupate è solo un passaggio temporaneo.Ricordate sempre queste mie parole:’Quando il vuoto prende forma reale,voi sarete come un recipiente vuoto che deve essere riempito.’

Non ci sono corpi che rimangano vuoti.

Dopo svariati tentativi di ritornare al vostro passato comprenderete ,tramite le vostre esperienze,che colui che diventa vuoto non si può più conformare con vecchie teorie passate.E grazie alla sofferenza che ha assorbito il vostro corpo e la vostra mente,voi sarete capaci di fare quel salto che da sempre avevate paura di fare.

Per voi che non conoscete la sofferenza può sembrare un male.Ma la verità che non esiste il bene e il male,che non esiste il cattivo e il buono,queste sono vostre creazioni.Ricordate che Nostro Padre ha creato Il mondo nella sua completa perfezione.Colui che pensa a quanto sia benevola una situazione,e a quanto sia malefica l’altra,non è ancora diventato vuoto,non ha ancora compreso il suo risveglio.il suo cammino.Ogni cosa arriva nel momento presente,per portarvi insegnamento,per portarvi sulla Via della Grazia.Non verso il nome.Smorzo un po’ i toni.Mi piace ogni tanto scherzare,poiché ero e sono consapevole,che una bella risata,offre dei benefici sia al corpo che alla mente,e anche all’essere.Probabilmente con un sorriso,il mio monologo,non diventa così monotono da farvi scappare a gambe elevate.

Per concludere,questa Mia Prima Lettera per voi,voglio che sappiate che ci sono tre campi.Il primo l’ho abbiamo scoperto e abbondantemente spiegato,ed è:L’ignoranza.Quando voi comprenderete la vostra ignoranza di conseguenza diventerete vuoti,ed è in quel momento che il vostro risveglio alla vita reale prende inizio.

Ignoranza-comprensione della vostra ignoranza-prima fase di risveglio.

Poi nel susseguirsi degli avvenimenti naturali,e cioè nel vostro secondo campo vibrazionale,conoscerete il vostro Maestro.Chi è cattolico,troverà Me.Chi è Buddhista troverà Buddha,e chi è mussulmano troverà Maometto.Questo solo per dirvi che noi,siamo scesi nelle vostre vibrazioni di energia,tutti insieme.Per aiutarvi a realizzare sia il vostro e anche il nostro Piano gerarchico spirituale.Un abbraccio di Luce,mie splendide anime.

Nella prossima lettera parleremo del secondo campo vibrazionale.”

Scritto da Rizzello Carmine sotto dettatura e la supervisione da quello che voi chiamate Gesù,Cristo.

Vi amo e vi amerò per sempre.

2 thoughts on “Verso l’Infinito….

  1. Sei un grande continua cosi. voglio sapere gli altri campi vibrazionali. quindi anche tu hai avuta la visione nel sogno del nostro Signore Gesù Cristo? Io ero anche accerchiato da altre entità spirituali e la legge evangelica è quella da seguire che alla fine vale x tutte le religioni. non essendo tanto bravo con le parole e a spiegare x me le tue parole sono importanti. Grazie!

    1. Grazie Francesco,sicuramente verranno scritti gli ultimi due.Poi la risposta alla tua domanda,ti posso dire Che c’è Una Gerarchia Spirituale che collabora on noi Umani affinché la pace regna e l’amore si perpetua in tutta l’umanità.Sono in contatto da due anni a questa parte,e il mio Maestro,e mi sta guidando in questo viaggio.Quando ho sentito la sua voce la prima volta mi spaventai tanto,poiché pensavo di essere diventato pazzo.Ma poi con il passar del tempo,la mia fiducia è cresciuta fino ad essere incrollabile.Ho visto cose che non mi sarei immaginato di vedere.Io Francesco l’unica cosa che ti dico di fare e sederti,prendere un foglio e vedrai che le parole usciranno sole.E quando vedrai che il tuo quaderno si riempirà resterai meravigliato anche del suo contenuto.

Comments are closed.